La meditazione è diventata uno dei modi più popolari per alleviare lo stress tra le persone di ogni ceto sociale. Questa pratica secolare, che può assumere molte forme e può o meno essere combinata con molte pratiche spirituali, può essere usata in diversi modi importanti.

‘Può essere un antidolorifico a correzione rapida per aiutarti a invertire la risposta allo stress del tuo corpo e rilassarti fisicamente.
‘Può far parte della tua routine quotidiana e aiutarti a costruire la resistenza allo stress.
‘Può essere una tecnica che usi per essere centrato quando sei respinto dallo stress emotivo.

Una forma di meditazione può anche essere utilizzata per la perdita di peso e un’alimentazione più sana.

Imparando a calmare il corpo e la mente, lo stress fisico ed emotivo può sciogliersi. Questo ti fa sentire meglio, rinfrescato e pronto ad affrontare le sfide della tua giornata con un atteggiamento sano. Con la pratica regolare per settimane o mesi, puoi sperimentare benefici ancora maggiori.

Cosa comporta la meditazione?

La meditazione implica sedersi in una posizione rilassata e liberare la mente, o focalizzare la mente su un pensiero e cancellarlo da tutti gli altri. Puoi concentrarti su un suono, come “ooommm” o sul tuo respiro, conteggio, un mantra o niente del tutto. Un filo conduttore tra le molte tecniche di meditazione è che la mente smette di seguire ogni nuovo pensiero che viene in superficie.

In genere è necessario avere almeno da 5 a 20 minuti liberi da distrazioni, anche se le sessioni di meditazione possono davvero essere di qualsiasi lunghezza. Sessioni di meditazione più lunghe tendono a portare maggiori benefici, ma di solito è meglio iniziare lentamente in modo da poter mantenere la pratica a lungo termine. Molte persone scoprono che se provano a meditare per troppo tempo ogni sessione o creano una pratica “perfetta” può diventare intimidatorio o scoraggiante, e trovano più difficile mantenere l’abitudine quotidiana. È molto meglio creare l’abitudine e trasformarla in una versione più approfondita di tale abitudine.

È utile avere silenzio e privacy, ma i meditatori più esperti possono praticare la meditazione ovunque. Molti praticanti della meditazione vi attaccano una componente spirituale, ma può anche essere un esercizio secolare. Davvero, non c’è modo sbagliato di meditare.

Cosa può fare la meditazione per la gestione dello stress?
Durante il giorno, quando sperimentiamo lo stress, i nostri corpi reagiscono automaticamente in modi che ci preparano a combattere o correre. Questa è la risposta allo stress del tuo corpo, altrimenti nota come risposta di lotta o fuga. In alcuni casi di estremo pericolo, questa risposta fisica è utile. Tuttavia, uno stato prolungato di tale agitazione può causare danni fisici a ogni parte del corpo.

La meditazione influenza il corpo esattamente nei modi opposti dello stress, innescando la risposta di rilassamento del corpo. Ripristina il corpo a uno stato calmo, aiutando il corpo a ripararsi e prevenendo nuovi danni dagli effetti fisici dello stress. Può calmare la mente e il corpo calmando i pensieri indotti dallo stress che mantengono innescata la risposta allo stress del corpo. C’è anche un elemento di rilassamento fisico più diretto coinvolto nella meditazione, ovviamente, quindi questa doppia dose di rilassamento può davvero essere utile per scrollarsi di dosso lo stress.

Un vantaggio maggiore che la meditazione può apportare è la resilienza a lungo termine che può derivare dalla pratica regolare.

La ricerca ha dimostrato che coloro che praticano la meditazione regolarmente iniziano a sperimentare cambiamenti nella loro risposta allo stress che consentono loro di riprendersi da situazioni stressanti più facilmente e sperimentano meno stress dalle sfide che affrontano nella loro vita quotidiana.

Si ritiene che parte di questo sia il risultato dell’aumento dell’umore positivo che può derivare dalla meditazione; la ricerca mostra che coloro che sperimentano stati d’animo positivi più spesso sono più resistenti allo stress. Altre ricerche hanno trovato cambiamenti nel cervello dei praticanti di meditazione regolari collegati a una ridotta reattività allo stress.

La pratica di imparare a ricentrare i tuoi pensieri può anche aiutarti a reindirizzare te stesso quando cadi in schemi di pensiero negativi, che in sé possono aiutare ad alleviare lo stress. La meditazione offre diverse soluzioni in una semplice attività.

Altri benefici della meditazione

I benefici della meditazione sono grandi perché, tra le altre cose, può invertire la risposta allo stress, proteggendoti così dagli effetti dello stress cronico.

Quando pratichi la meditazione:

  • La frequenza cardiaca e la respirazione rallentano.
  • La pressione del sangue si normalizza.
  • Usi l’ossigeno in modo più efficiente.
  • La tua funzione immunitaria migliora.
  • Sudi di meno.
  • Le ghiandole surrenali producono meno cortisolo.
  • La tua mente invecchia a un ritmo più lento.
  • La tua mente si schiarisce e la tua creatività aumenta.

Le persone che meditano regolarmente trovano più facile rinunciare ad abitudini dannose per la vita come il fumo, il bere e le droghe. Trovano anche più facile impedire alla ruminazione di rovinare la loro giornata. Aiuta molte persone a connettersi a un luogo di forza interiore. Numerosi studi hanno scoperto che, in diverse popolazioni, la meditazione può ridurre al minimo lo stress e costruire la capacità di recupero. La ricerca sulla meditazione è ancora relativamente nuova, ma promettente.


In che modo la meditazione si confronta con altri metodi di riduzione dello stress?

  1. A differenza di alcuni farmaci e terapie a base di erbe, la meditazione ha pochi potenziali effetti collaterali.
  2. Le persone con limitazioni fisiche possono trovare più facile praticare che un intenso esercizio fisico per alleviare lo stress. Inoltre, non è richiesta alcuna attrezzatura speciale.
  3. Diversamente dall’arruolare l’aiuto di un professionista, la meditazione è gratuita.
  4. Ci vuole disciplina e impegno per rendere la meditazione un’abitudine regolare. Alcune persone trovano più difficile mantenere un’abitudine rispetto ai metodi che richiedono l’aiuto di qualcuno o qualcosa al di fuori di se stessi per una maggiore motivazione. (Se sei una di queste persone, trovare un gruppo di meditazione potrebbe essere la soluzione perfetta.)
  5. Alcune persone possono trovare più difficile liberare le loro menti dai pensieri del giorno. Ciò può rendere più difficile i metodi che prevedono la concentrazione su questi eventi, come il journaling o metodi che possono distrarre, come l’esercizio fisico o l’uso dell’umorismo.

Pro e contro della meditazione

La meditazione è meravigliosa in quanto è gratuita, sempre disponibile e straordinariamente efficace nella riduzione dello stress a breve termine e nella salute a lungo termine. I benefici possono essere percepiti in una sola sessione.

Un insegnante con esperienza può essere utile ma non è assolutamente necessario. Puoi imparare molte tecniche di meditazione efficaci da un libro o dalle risorse di meditazione proprio qui su Verywell. In definitiva, se riesci a concentrarti sul respiro, sul momento presente o su qualsiasi cosa per un po ‘, ora puoi meditare.

Spesso ci vuole un po ‘di pratica, e alcune persone trovano difficile “prenderlo” all’inizio. La meditazione richiede anche un po ‘di pazienza e può essere difficile per le persone con poco tempo libero (come alcune madri casalinghe che ottengono pochissima privacy dai bambini piccoli). Tuttavia, il tempo e gli sforzi necessari per apprendere e praticare valgono la pena in termini di benefici che offre.

4 cose da tenere a mente sulla meditazione

  1. La pratica coerente conta più della lunga pratica. Ciò significa che è meglio meditare per cinque minuti, sei volte alla settimana che per 30 minuti una volta alla settimana. Il primo può calmare la risposta allo stress del tuo corpo più volte in una settimana, mentre il secondo può calmare il tuo corpo in uno stato più profondo di rilassamento, ma invertirà la risposta allo stress solo una volta. Inoltre, è più probabile che continui con una pratica di meditazione regolare se puoi iniziare con brevi sessioni giornaliere che se ritieni di dover trovare il tempo per sessioni più lunghe per esercitarti. È più probabile che questa pressione autoimposta ti porti a non trovare il tempo per farlo, quindi a perdere la motivazione per provare.
  2. La pratica regolare conta più della pratica “perfetta”. Ciò significa che, piuttosto che preoccuparti troppo della posizione in cui sederti, quale tecnica provare quando ti siedi, per quanto tempo o in quale momento della giornata, dovresti semplicemente sederti e meditare. Il resto andrà a posto se hai appena iniziato, ma se senti la necessità di elaborare questi dettagli prima di poter iniziare, potresti trovare più difficile iniziare. In realtà non esiste un modo “sbagliato” di meditare; qualsiasi meditazione è migliore di nessuna.
  3. Se noti che la tua mente vaga, va bene. La meditazione può essere una sfida per alcune persone, in particolare i perfezionisti. A volte cadiamo nella trappola di voler fare “bene” e diventare frustrati con noi stessi quando la nostra mente si allontana. La cosa da ricordare è che se noti che ciò sta accadendo, è una buona cosa, l’hai notato. Notare e reindirizzare i tuoi pensieri al centro della tua meditazione (respiro, momento presente o qualunque cosa tu scelga come focus) è il vero punto della meditazione. È praticamente impossibile impedire alla tua mente di vagare comunque.
  4. Anche i praticanti di meditazione di lunga data lo trovano impegnativo. Questo può essere una sorpresa, ma anche coloro che meditano da anni possono trovare difficoltà a rimanere presenti. Questo è perfettamente normale per chiunque. Fa tutto parte della meditazione, quindi non lasciarti scoraggiare.

Inizia con la meditazione

Esistono molte forme di meditazione che portano questi fantastici benefici. Alcuni potrebbero sentirti più a tuo agio nella pratica di altri, quindi è una buona idea provare a campionarli e ripetere le tecniche che sembrano adattarsi meglio a te.

Se pratichi la meditazione mentre non sei nel mezzo di una situazione stressante, troverai più facile usarla come tecnica calmante quando ne avrai bisogno. Anche se hai intenzione di usarlo solo se necessario e non come esercizio quotidiano, è una buona idea praticare la meditazione quando non ti senti particolarmente stressato prima, piuttosto che provarlo per la prima volta quando ti senti sopraffatto— a meno che, ovviamente, non riesci a trovare un momento in cui non ti senti in questo modo.

La cosa più importante da ricordare è esercitarsi nella meditazione per alcuni minuti al giorno e provare a sedersi per almeno cinque minuti ogni sessione.

Se non sai da dove iniziare, puoi semplicemente concentrarti sull’ascolto del respiro per cinque minuti. Per fare ciò, rilassare il corpo, sedersi comodamente e notare il respiro. Se ti ritrovi a pensare ad altre cose, reindirizza semplicemente la tua attenzione al respiro.

Un’altra semplice strategia è quella di contare i tuoi respiri. Quando inspiri, conta “uno” nella tua testa, quindi conta “due” mentre espiri. Continua a respirare e ricomincia da “uno” se noti che sei distratto da altri pensieri. (Alcune persone troveranno questo più facile da praticare rispetto alla semplice meditazione respiratoria, e altri lo troveranno più stimolante. Ricorda, le tue migliori tecniche di meditazione sono quelle che risuonano con te.) Possa tu trovare il sollievo che cerchi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui